Il Progetto Hermes è attivo nelle sedi di Firenze, Scandicci, Borgo S.Lorenzo, Sesto Fiorentino e Calenzano.
A Firenze, attualmente, si trova presso la sede della Cooperativa Il Cenacolo, in Via Pellas 20 a/b
Nelle restanti sedi, per la Cooperativa Convoi, leggere i volantini a fondo pagina

Il PROGETTO HERMES ha come fondamento la scelta etica di offrire servizi psicologici a costi accessibili a tutti quei cittadini che decidono di intraprendere un percorso psicologico, per migliorare la propria qualità di vita e che si collocano in quella “fascia grigia” di cittadinanza con un reddito minimo o comunque non tale da permettere l'accesso ad uno studio privato.

In origine, l'idea di una “psicoterapia a costi sociali” è nata all'interno dell'Istituto Gestalt Firenze, che attualmente offre il suo patrocinio al progetto Hermes, oltre a fornire costante supervisione ai suoi terapeuti; in seguito, questa idea originaria ha trovato una via concreta di realizzazione grazie all'incontro con la Cooperativa Sociale Il Cenacolo di Firenze.

L’interrogativo attorno al quale si è sviluppata la proposta progettuale è stato: “se la psicologia è qualcosa di veramente utile per il benessere e la qualità della vita delle persone, non si potrebbe fare in modo che sia alla portata di tutti?”. Da questa domanda si è sviluppato un utile confronto che ha poi preso la forma del servizio come oggi viene proposto.

Il servizio è attivo dal 2010 presso i locali della Cooperativa Il Cenacolo. Le persone che possono accedervi sono quelle che rientrano in specifiche fasce di reddito calcolato secondo i criteri ISEE.

La persona, la coppia, la famiglia, possono così fissare un primo colloquio gratuito di valutazione e decidere di intraprendere o meno un percorso con uno dei terapeuti aderenti al progetto. Hermes inoltre opera in rete con i servizi presenti sul territorio e con i SIAST.

Lo scopo sociale del servizio Hermes così concepito, è perseguito attraverso la rete di relazioni che si genera nel territorio e fra la persone.

Col progetto Hermes consulenza psicologica a costi sociali

 Comunicato Stampa del Comune di Scandicci del 7/1/2013

Psicoterapia e consulenza psicologica a costi sociali con Hermes, un progetto nato dalla collaborazione tra la cooperativa sociale Convoi del consorzio Co&so Firenze e un gruppo di psicologi e psicoterapeuti dell’istituto di psicoterapia della Gestalt, con il patrocinio del Comune di Scandicci. Hermes offre servizi di consulenza e psicoterapia individuale, di coppia e di gruppo, mediazione familiare e orientamento scolastico e professionale, rivolti ad adulti, famiglie, coppie e giovani. Il primo colloquio è gratuito; il servizio prevede cicli di otto incontri rinnovabili, ogni seduta ha un costo minimo di circa 12 euro fino ad un massimo di circa 30 euro, calcolato sulla base del modello Isee. Il servizio è gratuito tramite invio da parte dei Servizi sociali. Gli incontri avverranno a Scandicci in via Ferruccio Mangani 2. Per informazioni e prenotazioni segrateria Convoi onlus, via Giotto 22 a Sesto Fiorentino; l’accesso al servizio avviene tramite appuntamento e prenotazione telefonica al 366.4773975 dal lunedì al venerdì in orario 9,30-17, info@convoi.coop.
fondamento la scelta etica di offrire servizi psicologici a costi accessibili, a tutti quei citytadini che decidono di intraprendere un percorso psicologico per migliorare la propria qualità di vita, e che si collocano in quella ‘fascia grigia’ di cittadinanza con un reddito minimo o comunque non tale da permettere l’accesso ad uno studio privato”. Al progetto Hermes hanno accesso le persone che rientrano in specifiche fasce di reddito calcolato secondo i criteri Isee. La persona, la coppia e la famiglia possono così fissare un primo colloquio gratuito di valutazione e decidere di intraprendere o meno un percorso con uno dei terapeuti aderenti al progetto. Hermes inoltre opera in rete con i servizi presenti sul territorio e con i Servizi integrati di assistenza sociale territoriale Siast. “Lo scopo sociale del servizio Hermes così concepito – proseguono i promotori – è perseguito attraverso la rete di relazioni che si genera nel territorio e tra le persone. Questo crea internamente i presupposti della crescita umana e quelli della solidarietà gettando le basi per una prevenzione sociale”. (M.G.)